Crea sito

INTERVISTA a ANNA NIHIL

#SpecialeAnteprima #LeggiamoItaliano #SkyeConsiglia #SosteniamoINostriAutori #2020 #Novembre #LIsolaDiSkye #ItalianDoItBetter #IoLeggoItaliano #Collaborazione  #Collettivoscrittoriuniti #CSU#IoLeggoItaliano #Intervista

L’Isola di Skye ritorna a farvi conoscere nuovi autori di talento. Scrittrici e scrittori MADE IN ITALY autopubblicati o di piccole Case editrici con cui siamo felici di collaborare. Tutto e sempre solo per voi lettori amanti della buona lettura di qualsiasi genere. Segui il Blog su FB e IG per tenerti sempre informato sulle ultime uscite e scopri con noi la tua prossima lettura.

In questo post viene a trovarci una delle talentuosissime autrici che fa parte del CSU e ci tiene compagnia con una piccola intervista scritta dopo aver partecipato con noi al Mega Meeting Virtuale del 23 Novembre.

ANNA NIHIL

Ciao Anna Nihil, benvenuta sull’Isola di Skye. Grazie per averci dato l’occasione di conoscerti e porgerti qualche domanda…

Iniziamo dalle domande di rito su di te, per farti conoscere da chi ci segue:

Chi è Anna Nihil? Una ragazza che ha messo nero su bianco delle storie con la speranza di trovare dei lettori simpatici.

Fatti conoscere in modo alternativo dai nostri lettori. Prova a descriverti attraverso:

un colore: azzurro

un profumo: gelsomino

un fiore: margherita

un animale: gatto

un luogo: una baita in montagna

un libro: i miei. Troppo facile come risposta?

una canzone: Imagine di Lennon. (Eh! Che esagerazione! Semplicemente mi piace e mi commuove sempre)

La tua vita reale, il tuo lavoro, i tuoi passatemi e la tua famiglia come influiscono sulla tua scrittura? La mia vita privata ha influito eccome! Un giorno scriverò un testo in cui spiegherò che a pagina x del mio libro x ho scritto quella frase in ricordo di… questo un giorno però. Non sono ancora pronta a espormi in prima persona. Preferisco dire qualcosina qua e là di me attraverso i miei personaggi.

Spesso nella scrittura c’è un’impronta che ci distingue dalla “massa”. Nella tua quale pensi sia? Uno stile asciutto, un taglio molto cinematografico.

Quello che hai scritto fino a oggi, ha un filo conduttore? Cosa accomuna tutte le tue opere? Il dolore, la lotta e la speranza.

Dopo aver pubblicato “Confessioni tra donne”, che progetti hai? Sto cercando la strada giusta per raccontarvi una storia che ho nel cassetto da anni. È ambientata negli anni ’70, un periodo che non ho vissuto, quindi ho un bel po’ di ricerche da fare.

Sei una lettrice? Quali generi prediligi? Leggo di tutto. Ho contatti con autori di tutti i generi e grazie a loro mi sono ritrovata a leggere testi che non avrei mai pensato essere nelle mie corde, e invece… Non bisogna precludersi niente! I libri servono a farci vivere emozioni e avventure lontane da noi, restare in una comfort zone persino nelle letture è assurdo.

Noi come blog collaboriamo con il Collettivo Scrittori Uniti. Come hai conosciuto questi ragazzi? E come trovi l’esperienza con loro? Li ho conosciuti frequentando le fiere. Mi è piaciuto molto il loro modo di gestire lo stand, hanno la grande capacità di offrire a gli autori contatti con ottimi media partner e aumentare così la visibilità di un autore verso il pubblico. Sono persone eccezionali, sempre molto disponibili e pieni di idee.

Hai già partecipato a una fiera con loro o conti di farlo nel prossimo futuro? Sì, quattro fiere! Due pre-covid. Ricordo il bellissimo Pisa Book e il Salone della Cultura di Milano. E due fiere in piena pandemia! Ovvero due fiere virtuali! È fantastico che siano riusciti a trovare un’alternativa per non fermarsi. Anche le fiere virtuali per me sono state dei bei momenti. Luce in una situazione buia.

Questa intervista te la sei aggiudicata per averci colpito durante il Mega Meeting Virtuale organizzato proprio dal CSU, com’è stata questa esperienza? Hai partecipato anche al primo? Quale pensi sia il punto di forza di un evento simile e cosa invece cambieresti se potessi? No, era il mio primo Mega Meeting. Il punto di forza è giocare con degli indizi: una copertina, un titolo, la sinossi, un breve estratto e una velocissima presentazione. Allo stesso tempo… basta tutto questo per scegliere? Io al posto della giuria sarei stata in crisi. Per fortuna ero in veste di autrice, e mi sono divertita moltissimo!

Adesso parliamo un po’ del tuo libro…

Titolo: La rivincita di Monna Lisa

Genere: storico

Dove lo si può acquistare: ovunque, basta cercarlo online.

Di cosa parla? La Gioconda è un ritratto. Ne consegue che quel sorriso che ben conosciamo corrisponde a una donna realmente esistita. Nel libro vi racconto la sua vita incredibile e storicamente accertata!

Perché un lettore dovrebbe leggere il tuo libro e, come pensi che questa storia possa cambiare il mondo e le persone? Voglio che la gente conosca la verità sul dipinto più famoso del mondo. O meglio, della donna raffigurata. Lei ha dato un contributo fondamentale alla Storia dell’Italia e nessuno lo sa! Poniamo fine a questa ingiustizia.

È il tuo libro di esordio o hai già pubblicato qualcos’altro? Il mio esordio è avvenuto con “La maledizione dello Yorkshire”. In seguito ho scritto una trilogia noir, oggi raccolta in un unico libro dal titolo “Benvenuti a NihilVille”. Vi consiglio “Mettici una pietra sopra” se siete nostalgici degli anni ’90. “Rivoluzione” e “Confessioni tra donne” se amate Parigi.

Oltre a scrivere, ti sei cimentata nella promozione da sola? Hai fatto il book trailer, delle immagini con degli estratti, delle card o un blog tour? Grazie per questa domanda! Mi hai ricordato di far sparire da YouTube dei miei tremendi e rudimentali book trailer realizzati anni fa! 😅 Un blog tour lo sogno da un po’ ma, per il momento, ancora niente. Contattatemi se interessati!

Se ti venisse offerto un servizio di promozione del tuo libro, cosa vorresti che fosse? Un essere umano. Il più grande persuasore del mondo. In pratica mi serve il sostegno di un influencer!

Oltre alla te scrittrice c’è un’altra forma d’arte che ti ispira? Suoni, dipingi…? Suonicchiavo alle medie. Disegnare mi è sempre piaciuto, ma la mia forma d’arte principale resta la scrittura.

Hai un blog? Se sì ti va di dirci dove e di cosa tratta? Ne ho due. “Anna Nihil Show” dedicato al cinema. Quel blog ha avuto anni migliori, in cui era aggiornato di continuo e raggiungeva picchi incredibili di visualizzazioni. Ora non è né chiuso né attivo. Sono più concentrata su “I libri di Anna Nihil”. Be’, il titolo è abbastanza chiaro: parlo delle mie avventure da scrittrice.

Sei una lettrice di bozze/editor/revisore? Ho seguito dei corsi, posso rendermi utile come lettrice beta, editor o correttore di bozze.

Ti va di regalarci qualche notizia sulla tua prossima pubblicazione e i tuoi prossimi progetti? Oltre al nuovo romanzo ambientato negli anni ’70, sto valutando l’idea di creare una pagina facebook molto particolare… seguitemi per restare aggiornati!

Questa intervista è un premio a parte che io insieme agli altri tre blog partecipanti abbiamo deciso di regalare ai libri che ci hanno più colpito, ma arriveranno altri post sull’evento del 23!

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015