Crea sito

Intervista #17 – Rose Blanchard

13082552_271312056539662_4217017404548982004_n

Benvenuti visitatori de “L’isola di Skye” nella rubrica del VENERDI. #venerdìintervista. Oggi conosciamo e parliamo con un’autrice che ci delizierà con un romanzo molto piccante! 😉 Oh sì avventori dell’isola avete capito bene, oggi siamo VM18 insieme a Rose.

Ciao Rose, benvenuta sull’Isola di Skye. Grazie per averci dato l’occasione di conoscerti e porgerti qualche domanda. Iniziamo dalle domande di rito…

Chi sei?   Sono Rose Marie Blanchard, scrittrice di un genere particolare che ho deciso di osare, l’erotico. [Anche noi lo apprezziamo molto…]

Quando te lo si chiede tu dai una risposta standard. Se dovessi osare, che cosa risponderesti a noi?   Direi che Rose M. Blanchard non è il mio vero nome naturalmente, ma uno pseudonimo dietro al quale mi nascondo. Almeno per me, l’erotico non è quel genere che si sbandiera ai quattro venti, ne sono un po’ imbarazzata e questo mi porta a star dietro le quinte del vero scenario. [ahahah! beccata! Noi invece pubblicheremo con il nostro nome… viva la faccia di bronzo!]

La tua paura più grande in questo momento qual è?  Bruciare le zucchine mentre rispondo a quest’intervista. [Oddio non sia mai!!!] Oggigiorno ci spaventano un sacco di cose. Non viaggi più perché hai paura degli attentati, non mangi le verdure perché le tirano su coi pesticidi e ti avveleni solo a guardarle, hai paura dell’acqua potabile perché in tivù a volte fanno vedere tante di quelle cose… non c’è in realtà una paura grande, ma tante più piccole. [AIUTO!]

– Descrivi te stesso attraverso:

un colore: Rosa, sono una persona molto tenera, anche se qualcuno che ha letto il mio libro potrebbe pensare il contrario.

un profumo: Lavanda, dolce e penetrante come mi sento a volte di essere.

un fiore: Bucaneve. Quando un fiore così bello ha tanta forza da spuntare in mezzo alla neve non può che non essere il mio preferito.

un animale: Pantera. Adoro i felini e in una pantera mi ci vedrei piuttosto bene.

un luogo: Eden, esiste? [da noi sì]

un libro: Cuore [Un grande classico, bello!]

una canzone: Alba chiara Vasco! [ eh beh!]

Ti è mai capitato di attraversare un periodo in cui ti sentivi smarrita? Come hai fatto a superarlo?    I periodi di smarrimento non mancano a nessuno anche se diversi sono i metodi che usiamo per superarli. Quello che uso io è evitare di pensarci. Certo non si può non pensare quando si ha un problema, ma ci si può organizzare in modo che non diventi una fissazione. Io impegno la mente con la scrittura, la lettura, la musica, lo sport e anche il lavoro riesce a tenermi per un po’ distante dai problemi. Se so che esiste una soluzione, non ci giro tanto intorno e procedo. Se una soluzione non c’è, è inutile farsi friggere il cervello. Io la penso così.

Spesso nella scrittura c’è un’impronta che ci distingue dalla “massa”. Nella tua quale pensi sia?   Il genere erotico si sa, nella maggior parte dei casi, non in tutti naturalmente, tratta la donna che viene spesso schiavizzata da questo giovane maschio conquistatore che alla fine arriva a fare di lei quello che vuole. Ho letto storie che si svolgono anche al contrario, lei che schiavizza lui… e beh direi che ci vuole pure no? Dico questo naturalmente basandomi su quello che ho letto finora. A me piace raccontare scene di vita quotidiana con personaggi che escono alla luce del sole e oltre al sesso vivono una vita vera e con tanto di sentimento. [ehm… non dimentichiamoci gli erotici m/m però eh!]

Dopo aver pubblicato Satiriaco, che progetti hai?   Satiriaco fa parte della serie Eros in Fabula e questo è il primo volume che apre le danze. Nei futuri volumi di questa serie ci saranno sempre gli stessi personaggi e ognuno di essi si racconterà in ogni volume. In Satiriaco, il personaggio principale è Michael ed è lui che narra in prima persona le sue vicende. Il secondo progetto è Bocciolo senza pudore e sarà il personaggio di Adriana, grande amica di Michael, che si esporrà. Poi toccherà a Nicolò, il ragazzo di cui Michael s’innamora, a rivelarsi nel terzo volume… e così via finché reggo. [noi attendiamo il 3]

Sei una lettrice? Quali generi prediligi?   Mi piacciono molto il fantasy, l’horror, l’erotico, qualche volta e solo se capita, lo storico.

C’è un libro che rileggeresti mille volte?   Il gioco di Gerald. Mille volte no, ma lo rileggerei volentieri.  In una casa isolata su un lago, Jessie si piega all’ennesima fantasia sessuale del marito Gerald, che questa volta l’ammanetta al massiccio letto in legno. Ma quando umiliata, lei lo allontana con un calcio, l’uomo si affloscia inerte, stroncato da un infarto. Naturalmente lei non può liberarsi.

Ti viene chiesto di incoraggiare un autore a diventare self… cosa gli diresti?   Quando decidi di auto pubblicare, di lavoro ce n’è tanto, soprattutto se sei un neo scrittore, ma poi le soddisfazioni hanno un valore doppio perché è tutto frutto del tuo impegno. Ultimamente l’editoria free ha molte… troppe pretese e non sempre approveranno il tuo lavoro perciò quella che resta è l’editoria a pagamento che io naturalmente non approvo.

Hai trovato la leggendaria Lampada Magica. Quali sono i tuoi tre desideri?   Vorrei che il tempo si fermasse.   Se proprio non può fermarsi, ne vorrei di più, soprattutto durante il giorno.   Vorrei che gli uomini, tutti gli uomini tra cui intendo anche la razza femminile, imparassero a rispettarsi gli uni con gli altri, non fossero invidiosi e si dimostrassero disponibili verso il prossimo.

Che rapporto hai con gli animali?   Li amo. Di qualunque razza o specie.

Parliamo adesso un po’ del tuo libro…

Titolo: SATIRIACO

Collana:  Eros in Fabula

Genere:  Erotico

Pagine:  100 circa

Formato:  A5

Dove lo si può acquistare: https://www.amazon.it/Eros-Fabula-SATIRIACO-Rose-Blanchard-ebook/dp/B01E82IU9S

Dicci in non più di dieci righe di cosa parla.

Michael De Angelis, romano, sensuale e attraente, in seguito al tradimento da parte di colei che amava, decide di tagliare definitivamente i ponti con l’amore. Diviene arrogante, volgare e prepotente, il sesso femminile non ha più il suo rispetto e s’impone la regola tassativa di non innamorarsi né legarsi mai più. Il destino gliela dà vinta per quasi trent’anni in cui sperpera la sua vita spendendo tutto ciò che guadagna in puttane, sesso e divertimenti. Ma poi arriva Nicolò, un ragazzo di ventiquattro anni che sconvolge la sua vita e al quale dovrà arrendersi per affrontare il suo nuovo destino.

Perché la gente dovrebbe leggere il tuo libro e, come pensi che questa storia possa cambiare il mondo e le persone?   Non cambierà sicuramente il mondo, ma farà capire come non si possa sfuggire all’amore. [e a farsi un sacco di docce fredde! oh sì!]

È il tuo libro di esordio o hai già pubblicato qualcos’altro? È la mia prima opera.

Perché proprio il genere erotico?  Perché no? Per ora lo sto solo sperimentando a livello di scrittura e di vendite. Devo dire che mi sta dando le dovute soddisfazioni.

– Il personaggio principale di Satiriaco è? È un essere umano o una creatura fantastica? Descrivicelo con 3 aggettivi.   Il personaggio principale è Michael. Tre aggettivi? Sexy.   Arrogante.   Innamorato (anche se fino alla fine non lo ammetterà mai). [e ti pareva!]

Durante la trama di consuetudine che il protagonista evolva. Se lo fa, in che modo avviene?   Michael compare nel romanzo come l’uomo a cui fu tolto tutto ciò che di romantico e passionale c’era in lui. Ciò che ne rimase fu l’opposto, arroganza, volgarità e prepotenza anche se sotto sotto, nonostante tutto, è comunque molto amato da chi lo conosce. Non evolve di sua spontanea volontà ma sarà Nicolò a cambiarlo. Lui risveglierà la scintilla dormiente dell’amore tanto da farla diventare una fiamma ardente.

Vive una storia d’amore? Con chi? Quando era ancora un liceale Michael s’innamorò perdutamente di Alice tanto da sposarla. Lei poi lo tradì dopo due mesi di matrimonio e di quel Michael se ne perse ogni traccia. Il nuovo Michael, circa trent’anni dopo, rivive una nuova storia d’amore con Nicolò che, anche se non ancora consapevole, ama follemente.

Se una mattina lui/lei si svegliasse del sesso opposto quale sarebbe la prima cosa che farebbe?   S’incazzerebbe… se proprio vogliamo usare una delle sue espressioni.

Se si svegliasse animale (o se è un animale se si svegliasse uomo) cosa sarebbe e come reagirebbe? Da come lui vive il sesso molti lo definiscono già animalesco. Le sue puttane lo adorano e lo vedrei bene come un leone nel suo branco di leonesse. Esattamente come un leone sa essere selvaggio e tenero allo stesso tempo e il piacere che lui prova non lo tiene mai per se. Non si lascia andare a un orgasmo se prima non è stato raggiunto dalla sua partner, che sia una puttane o una ragazza adescata in discoteca.

Quale sarebbe la prima cosa che ti direbbe se vi incontraste faccia a faccia? Non lo so perché sverrei prima che lui aprisse bocca.

Perché hai scelto di ambientare la tua storia proprio a Roma?   È una città che conosco e che amo.

E-book o Cartaceo? E-book

Su cosa sei solita scrivere? Microsoft Word

Come è nata la cover? Ho cercato di rappresentare qualcosa di molto semplice come il corpo di Michael. Il suo corpo perfetto che lui stesso ama fino all’inverosimile.

Ti va di regalarci qualche notizia sulla tua prossima pubblicazione? La prossima pubblicazione si chiamerà “Bocciolo senza pudore” e si racconterà una donna che per altro è la migliore amica di Michael. Questa è una bozza della trama:

Adriana, 13 anni. Nata negli anni ’50 e vittima di una severità familiare oltre i limiti, da quando il suo corpo è sbocciato, è pervasa da voglie incontrollabili. Trova sfogo solo nella masturbazione e, in seguito, in una coppia di sposi che verranno ad abitare nell’appartamento di fronte. La sua vita sarà sconvolta da un’imprevista gravidanza, non solo dovrà affrontare l’assurda punizione dei suoi genitori, ma una volta che il suo bambino sarà venuto al mondo, se ne dovrà separare.

Condividi con noi una frase, che convinca anche il lettore più reticente ad acquistare il tuo libro….

Lui mi lancia uno sguardo fulmineo scaturito da due idilliaci occhi azzurri come il cielo in una limpida giornata di tramontana. Dal momento in cui me lo sono trovato davanti, non gli ho tolto gli occhi di dosso. Sono un amante del corpo perfetto, di uomo o donna che sia, e il suo lo era fin troppo. Ne provavo quasi invidia. Il mio sguardo lo segue andar via magnificando la visione celestiale che si presenta da dietro. Ha un culo che è la fine del mondo.

Anche per questa volta è tutto, ma voi lettori potete rivolgere domande a Rose se volete! RINGRAZIAMO tantissimo la nostra nuova amica per questa favolosa intervista e  per averci concesso il suo tempo. Vi consigliamo vivamente di cercare il suo romanzo e di leggerlo! Io vi do appuntamento a venerdì prossimo!

Vuoi partecipare anche tu al #venerdìintervista? Contattami mandandomi un messaggio privato, con una mail a martina_federica@hotmial.it (specifica nell’oggetto chi sei e cosa vuoi) o in un commento. il Mercoledì metterò l’anteprima del TUO romanzo e il venerdì l’intervista.

 

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015