Crea sito

RECENSIONE – LA BAMBINA CHE ANNUSAVA I LIBRI

#Recensione #LeggiamoItaliano #SkyeConsiglia #NuovaUscita #SosteniamoINostriAutori #2019 #Settembre #LIsolaDiSkye #ItalianDoItBetter #Romance #LAngoloDellaRecensione #Collaborazione #CSU #IoLeggoItaliano #Anteprima #NuovaUscita

Sempre e solo “L’isola di Skye” qui per voi a proporvi nuovi romance in anteprima anche per questo 2019! Oggi torniamo con la rubrica che più amate! Ebbene sì, oggi vi parliamo NOI di un libro che abbiamo letto grazie alla #collaborazione con il CSU #CollettivoScrittoriUniti!

LA BAMBIAN CHE ANNUSAVA I LIBRI

di

Manuela Chiarottino

–> COMPRALO SU AMAZON QUI <–

TITOLO: Le bambina che annusava i libri

AUTRICE: Manuela Chiarottino

GENERE: Romance, Avventura, Mistero

EDITORE: More Stories

DATA DI PUBBLICAZIONE: Luglio 2019

SINOSSI: Per Stella, cresciuta in una famiglia di antichi stampatori, i libri sono come degli amici. Non solo ama leggerli, ma li conosce profondamente, riuscendo a distinguerli dall’odore e dalla grana delle pagine, capacità fondamentali per lavorare, insieme al padre, nella libreria di famiglia. La vita tranquilla di Stella subisce un brusco cambiamento quando la ragazza riceve in eredità dal nonno un libro molto antico e una strana lettera. In essa si parla di una collezione di volumi preziosi, nascosti in un luogo segreto. Sta a lei risolvere l’enigma del nonno e ritrovarli.In una ricerca convulsa tra i paesi della Toscana, in compagnia di un affascinante e ambiguo restauratore, Stella si addentrerà nei misteri della sua famiglia e del suo cuore, imparando a lasciarsi andare ai sentimenti, pagina dopo pagina.

***

COSA NE PENSIAMO?

Prima di dirvi qualcosa su questo romanzo, vi ricordiamo che questa è solo la nostra personale opinione e che questo libro fa parte dei titoli del COLLETTIVO SCRITTORI UNITI. Noi lo abbiamo letto per voi e adesso vi racconteremo qualcosa, ma vi consigliamo di cercarlo e leggerlo voi stessi come va a finire! E se volete sentire l’intervista video che abbiamo fatto a Manuela mentre eravamo a Libri in Baia, seguite questo link!

Se dovessimo riassumere questo libro in una parola sarebbe: PASSIONE.

Come anticipato dalla trama qui sopra, la protagonista è Stella, una ragazza giovane sui trent’anni. Stella è un tipetto molto particolare, con una grande passione che le è tramandata dalla madre e dal nonno. Lo capiamo dalla primissima riga del romanzo e per tutta la durata non ce lo si fa proprio a dimenticarlo.

La passione della ragazza infatti sono i libri, e non solo per la lettura in sè, ma con tutti i cinque senti, perché Stella ha l’innata capacità di sentirli, annusarli e richiamare a sé sapori, e profumi attraverso essi e poi ovviamente sente la carta, le copertine ruvide etc etc. Questo fa sì che durante la lettura lei ci presenti questa passione e la mantenga viva in sé grazie alla libreria di famiglia.

Il negozio è a tutti gli effetti un altro dei personaggi fondamentali della storia, intorno a essa si dipana una fetta molto importante del romanzo: la “caccia al tesoro” per renderla moderna e mantenerla aperta. Poiché tra le righe l’autrice critica la società moderna che schiaccia le piccole librerie in favore di grandi distribuzioni e acquisti on.line. E noi le diamo ragione. W le piccole realtà come questa libreria.

Tornando alla storia e a Stella e la sua storia, non possiamo parlare della sua famiglia, o meglio di ciò che ne resta, poiché il romanzo inizia con la morte del “mitico” nonno, che ormai vedovo e anziano soccombe all’età; esattamente come la madre che ci viene detto essere morta qualche anno addietro, ciò non toglie che nei pensieri di Stella e nella sua vita queste due persone siamo presentissime e molto radicate in ciò che è e fa. Tutto a discapito del padre, attuale lavoratore dentro la libreria, che come si può immaginare a differenza del ramo librario della famiglia, è un commercialista in tutto. Completamente diverso da Stella per l’approccio alla vita e alle cose pratiche della stessa, ci ritroviamo a pensare a lui come un personaggio antagonista, sebbene Stella lo ami tantissimo e alla fine l’uomo faccia ogni azione solo ed esclusivamente per “amore paterno”.

Manuela descrive quindi con maestria dinamiche famigliari, personaggi vivi e morti e soprattutto sentimenti e relazioni, rendendo il tutto una piccola saga famiglia che, appunto, trova la sua massima evoluzione con l’eredità che il nonno lascia alla nipote: una misteriosa collezione da trovare e “sfruttare” per la libreria.

Uso il verbo sfruttare tra virgolette perché non voglio farvi spoiler sul finale, vi dirò solo che questa avventura attraverso le strade della Toscana non la vedrà mai sola perché nella sua vita fuori dagli schemi entrare un giovane damerino dallo sguardo profondo: Manuel. Un giovane antiquario che Stella incontra per caso e che invece si ritroverà accanto per gran parte di questa avventura.

Tra Firenze, Pisa, Coverciano e posti magnifici che prendono vita dalle parole di Manuela fino in Olanda infatti di due giovani dovranno scoprire il segreto nascosto dietro l’eredità che il nonno le ha lasciato: un ex-libris.

Se non sapete cos’è un ex-libris tranquilli, Manuela ha fatto grandi ricerche e attraverso Stella e Manuel ci accompagnerà nella scoperta di questa antichissima arte. Un altro importantissimo tassello che chiusa l’ultima pagina vi farà venire voglia di prendere carta e penna e disegnarvene uno tutto per voi. Oh, sono sicura che lo farete eccome.

Mi sto davvero dilungando troppo su questo libro, ma a conti fatti mi è piaciuto così tanto che non vedo l’ora di rincontrare Manuela per sommergerla di domande e complimenti. L’idea di fondo della trama è molto bella. i personaggi sono realistici e coinvolgenti. La vicenda prende e ti trascina e anche se la conclusione è esattamente quello che vogliamo, questo denota solo una volta in più l’abilità di Manuela che ci fa desiderare quello che lei ha deciso e alla fine quando ce lo da, non ci delude. A me ha persino strappato una lacrimuccia.

QUINDI in poche parole, ve lo consigliamo al 100%. Se mettessimo stelline ai libri questo ne avrebbe sei o sette, non solo cinque, perché ah tutto. C’è la famiglia, amore, l’amicizia, il romanticismo -che un po’ ci sta-, il mistero, l’avventura e anche un pizzico di crime. COSA VOLETE DI PIU’?!

E se siete curiosi di scoprire altre opere Manuela Chiarottino cercateli su Amazon o cliccate sui nomi per le pagine autori su Fb! Come sempre vi ricordiamo che il COLLETTIVO SCRITTORI UNITI ha molte offerte per voi e vi aspetta a NOVEMBRE al PISA BOOK FESTIVAL, dove troverete anche NOI.

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015