Crea sito

RECENSIONE – QUEL CHE NON PUOI DISEGNARE

#Recensione #LeggiamoItaliano #SkyeConsiglia #NuovaUscita #SosteniamoINostriAutori #2019 #Settembre #LIsolaDiSkye #ItalianDoItBetter #Romance #LAngoloDellaRecensione #Collaborazione #CSU #IoLeggoItaliano #Anteprima #NuovaUscita

Sempre e solo “L’isola di Skye” qui per voi a proporvi nuovi romance in anteprima anche per questo 2019! Oggi finalmente torniamo con la rubrica che più amate! Ebbene sì, oggi vi parliamo NOI di un libro che abbiamo letto grazie alla #collaborazione con il CSU #CollettivoScrittoriUniti!

QUEL CHE NON PUOI DISEGNARE

di

Claudio Secci & Manuela Chiarottino

—> COMPRALO SU AMAZON QUI <—

TITOLO: Quel che non puoi disegnare

AUTRICE: Manuela Chiarottino & Claudio Secci

GENERE: Romance, Avventura

EDITORE: Lecoutea

DATA DI PUBBLICAZIONE: Dicembre 2018

SINOSSI: Mark è un bambino inconsapevolmente dotato di un potere: la sua mano improvvisamente inizia a muoversi freneticamente raffigurando dei pasticci. La scoperta avviene per caso, da una sua compagna di banco, Jasmine. Mark diventa ragazzo, poi uomo, perfezionando i suoi involontari disegni che si rivelano essere presagi di avvenimenti che in qualche modo accadranno a qualcuno a lui vicino. Jasmine, ormai sposata e donna di mezza età, ha una sua collega e amica in fin di vita, malata terminale. Va alla ricerca di Mark ricordandosi di questa sua dote, dapprima per farsi dire da lui se Laurie ce la farà mai a uscire dalla malattia che la spegne giorno dopo giorno. Ma accade qualcosa di imprevisto: Jasmine si innamora perdutamente di Mark e della sua dote, così il suo matrimonio già vacillante, e fatto di continue trasferte del marito, va in frantumi. Jasmine e Mark cercano quindi di ricostruirsi una vita proprio mentre i poteri di quest’ultimo, sempre più noti alla comunità, cominciano a diventare un serio problema…

***

COSA NE PENSIAMO?

Se dovessi riassumere questo libro in una parola sarebbe: PREVEGGENZA

Prima di dirvi qualcosa su questo romanzo, vi ricordiamo che questa è solo la nostra personale opinione e che questo libro fa parte dei titoli del COLLETTIVO SCRITTORI UNITI. Noi di Skye lo abbiamo letto per voi e adesso vi racconteremo qualcosa, ma vi consigliamo di cercarlo e leggerlo voi stessi come va a finire!

Iniziamo ora con la recensione vera e propria:

Come anticipato qui sopra dalla trama, il protagonista è Mark. Nelle prima pagine lo conosciamo bambino che va a scuola, il tutto attraverso gli occhi di Jasmine. Quasi la totalità della storia stessa è dal punto di vista della ragazza, ma nonostante questo non perde di interesse la visione monofocale.

Anche la scrittura a quattro mani di Claudio e Manuela si fonde e mescola in maniera eccellente, tanto che è praticamente impossibile distinguere le parti di uno con quelle dell’altra. Anzi a dirla tutta sono gli autori stessi che ci sfidano a trovare le differenze. Noi personalmente ci siamo immersi nella lettura, coinvolti dalla trama e non ci siamo accorti di niente. Per noi questo vale già da solo quattro stelle!

Spendiamo qualche parola sui personaggi. Entrambi sia Mark che Jasmine ci vengono presentati in due differenti momenti della vita: prima bambini inconsapevoli e disarmati di fronte al flusso degli eventi, poi adulti e più consapevoli, capaci di piegare questo inusuale dono a loro vantaggio. O almeno ci provano.

Qual’è il dono? Lo si capisce dalla prima riga, Mark vede il futuro, attraverso immagini che lui stesso disegna o nei suoi sogni il bambino (che poi alla fine sarà uomo) vede disastri, morti, avvenimenti di ogni genere.

Durante la trama sarà lui stesso a svelarci come vive questa condizione, e nel corso della stessa cambierà radicalmente, sempre con un pizzico di merito di Jasmine.

Quest’ultima è una giovane normalissima, come possiamo essere noi che incrocia la sua vita con Mark e che scopre di amarlo. Prima con la gentilezza di un cuore bambino, poi crescendo con sempre più coinvolgimento emotivo, fino al finale. Come finisce non ve lo diciamo, già lo sapete, ma potete intuirlo 😉

Noi vi diciamo solo che “tutto è bene quel che finisce bene!”

Per noi è stato un piacevolissimo pomeriggio speso in lettura, un romanzo breve, fluido e coinvolgente. Velo consigliamo se vi piacciono le storie che coinvolgono ampi spazi temporali, i romantici non focalizzato solo ed unicamente sulla storia d’amore. Se non vi fa storcere il anso l’uso della “magia” e se un pizzico di azione e colpi di scena vi fanno apprezzare il tutto.

E se siete curiosi di scoprire altre opere di Claudio Secci e di Manuela Chiarottino cercateli su Amazon o cliccate sui nomi per le pagine autori su Fb! E come sempre vi ricordiamo che il COLLETTIVO SCRITTORI UNITI ha molte offerte per voi e sempre nuove iniziative a cui partecipare!

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015