Crea sito

RECENSIONE – DOVE SENTO IL CUORE

#Recensione #LeggiamoItaliano #SkyeConsiglia #NuovaUscita #SosteniamoINostriAutori #2020 #Gennaio #LIsolaDiSkye #ItalianDoItBetter #LAngoloDellaRecensione #IoLeggoItaliano #Collaborazione #CollettivoScrittoriUniti #Storico

Un altro anno è passato e “L’isola di Skye” torna con la rubrica più amata da voi autori! Ebbene sì, ci abbiamo mesos un po’ ma anche le #Recensioni tornano su Skye in questo 2020 per raccontarvi le mie letture e magari stuzzicarvi l’interesse. Iniziamo con il botto e vi parliamo di uno storico.

DOVE SENTO IL CUORE

di

MATTIA CATTANEO

TITOLO: Dove sento il cuore

AUTORE: Mattia Cattaneo

GENERE: Storico, romantico, narrativa

EDITORE: self

DISPONIBILE sia in ebook che in cartaceo.

DATA DI PUBBLICAZIONE: 2019

LINK D’ACQUISTO: https://www.amazon.it/Dove-sento-cuore-Mattia-Cattaneo-ebook/dp/B07XFTC7ZN/ref=sr_1_3?qid=1580127769&refinements=p_27%3AMattia+Cattaneo&s=digital-text&sr=1-3&text=Mattia+Cattaneo

SINOSSI: Alto lago di Como.1944. L’occupazione nazi-fascista è una realtà concreta. La guerra devasta e ferisce. Tre identità fragili ma forti allo stesso tempo, e le loro vite, si intersecheranno fra dolore, segreti e piccole gioie. Perché la vita vive se c’è qualcuno che fa battere il cuore.Vittoria, una donna energica, Bruno, un convinto partigiano, Karl, un ufficiale tedesco, metteranno in gioco sè stessi e il loro destino.Solo loro sanno dove possono sentire, veramente, il loro cuore.

*********

COSA NE PENSIAMO?

Prima di dirvi qualcosa su questo romanzo, vi ricordiamo che questa è solo la nostra personale opinione e che questo libro fa parte dei titoli del COLLETTIVO SCRITTORI UNITI.  Noi lo abbiamo letto per voi e adesso vi racconteremo qualcosa, ma vi consigliamo di cercarlo se vi piace il genere e leggerlo voi stessi!

Se dovessimo riassumere questo libro in una parola sarebbe: RICERCA.

Per noi trovare le parole per raccontarvi di questo romanzo non è facile, siamo lettori molto sentimentali e ci perdiamo spesso in emozioni difficili da spiegare a parole quando ci troviamo di fronte a simili trame. Un racconto che -se leggete la sinossi lo intuite facilmente- parla di un periodo storico italiano e mondiale bello tosto.

Raccontare di certi evento e farlo con la bravura che dimostra Mattia è difficilissimo. L’autore in questione ha trovato un perfetto equilibrio tra eventi storici importanti, emozioni umane e suspence. La storia è una di quelle che potrebbero facilmente diventare un film colossale, oppure diventare un piccolo gioiello della nostra libreria e restare lì per sempre.

Io personalmente non leggo mai libri che trattano questi eventi, mi ricordano ancora troppo i miei avi e le “storie” che mi raccontava mia nonna; Mattia fa lo stesso, ci racconta un pezzo di storia famigliare – vera o inventata poco importa- sfruttando questo sentimento di passato ancora presente.

All’inizio ci presenta una protagonista ormai vecchissima e che nella condizione è piena di ricordi a cui è molto legata. Uno di questi è un diario, un quaderno, comunque un qualcosa di scritto che ricolmo di anni come lei, conserva e custodisce una storia. LA STORIA.

Iniziai ad essere stanca, le gambe si facevano pesanti. Presi gli occhiali e decisi che avrei rivisto il mio passato in un’ottica diversa. Rimembro ancora quando i miei genitori si mettevano accanto a me per parlare della loro storia. Una storia fatta di sangue, di guerra ma d’amore. Amore puro, quello che può far crescere e ardere il cuore.

Un’altra cosa che abbiamo adorato di questo romanzo di Mattia è l’ambientazione italiana. Ci siamo davvero perse tra i monti lombardi e viaggiando con i protagonisti abbiamo visitato con la mente molti posti conosciuti. Un’altro punto a favore della lettura di questo libro. Se poi conoscete un po’ la storia del Prima Guerra Mondiale, se siete appassionati di quel periodo -a mia differenza- scoprirete rimandi e citazioni che dimostrano l’impegno e la cura che Mattia a messo nello scrivere questa storia.

I personaggi sono per lo più inventati ma, nonostante ciò, realistici e molto credibili, a partire da Eva che è la narratrice indiscussa di tutto. Poi ci sono Vittoria e Bruno i due innamorati, divisi dalla vita e dalle vicissitudini e Karl, il cattivo di turno che dimostra quanto sia stato difficile essere tedeschi in quel periodo. L’umanità che traspare da quest’ultimo non è meno importante e vivida di quella del resto degli altri protagonisti.

Noi ci proviamo quindi a convincervi con questi piccoli fatti che dovete leggere “Dove sento il cuore” perché a mio parere è indiscutibile che l’abilità di MATTIA nelle descrizioni e nel destreggiarsi con un ambientazione così ostica lo meriti. Dopo tutto ci propone uno spaccato della nostra storia e lo fa condividendo con noi un frammento della sua – con molta probabilità- e nel provarci imprime sulla carta stampata qualcosa che non va dimenticato.

In più c’è un piccolo mistero da risolvere, bugie da svelare e fatti storici da scrivere, cosa volete di più?

Quindi LEGGETELO! Date a MATTIA e soprattutto a Eva, Vittoria, Bruno e a quel brutto tedesco di Karl la possibilità di raccontarvi la loro storia, NON ve ne pentirete!

E se siete curiosi di scoprire altre opere di MATTIA CATTANEO cercatelo su Amazon o su Fb! Come sempre vi ricordiamo che il COLLETTIVO SCRITTORI UNITI ha molte offerte per voi e vi aspetta!

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015