Crea sito

Recensione #6 – Al di là del Tevere

Buongiorno ISOLANI e benvenuti in questa nuova specialissima rubrica.

#Recensione #LeggoItaliano #L’isoladiSkyeConsiglia

Ogni volta noi ci proviamo sul serio a proporvi un libro nuovo, oggi lo staff di SKYE si è imbattuto in un libro che… beh, non voglio anticiparvi nulla.

GIULIA BENEDETTI
“AL DI LA’ DEL TEVERE”

 

51wcks4kgql-_sy346_Titolo: Al di là del Tevere
Autrice: Giulia Benedetti
Editore: self
Genere: romantico
Formato: sia ebook che cartaceo
Prezzo: 0,99 l’eboook , 5,72 il cartaceo

TRAMA:
Un incontro casuale.
Un destino impossibile da evitare.

Nella magica Roma dei giorni nostri, Giorgio Cappelletti, fotografo di 39 anni, incontra causalmente Valeria Capitani, supermodella di 30 anni.
Valeria è subito colpita dal carisma di Giorgio, e dalla sua personalità particolare, e proprio grazie alla sua solarità proverà in tutti i modi a fare breccia nel suo cuore.
Giorgio, invece, cercherà di non farsi coinvolgere troppo per evitare di ricadere in quella trappola mortale che è l’Amore con la A maiuscola.
Entrambi, però, hanno un segreto. E faranno di tutto per proteggerlo.
Con protagonisti gli amici Pietro e Claudio, le amiche Anna e Sabrina, e il carismatico Flavio, Al di là del Tevere è una storia che parla di amore, di rivincita, di paure… e di destino.

Link d’acquisto: https://www.amazon.it/Al-di-l%C3%A0-del-Tevere-ebook/dp/B01M61OF9Z/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1484406989&sr=8-1&keywords=al+di+l%C3%A0+del+tevere

 

***

COSA NE PENSIAMO?

Se dovessi riassumere questo libro userei due frasi.

La prima: l’abito non fa il monaco, scelta non solo per questioni linguistiche, ma perché all’inizio il romanzo racconta i pregiudizi di Giorgio, il protagonista maschile. Poi opterei per la speranza è l’ultima a morire, la speranza di un amore, di rivincita, di poter porre rimedio ai propri errori.

La cosa che mi ha colpita di questo romanzo è l’amore per la città di Roma che trapela da ogni singola parola: che siano le citazioni a inizio di ogni capitolo, che siano le frasi dette da Giorgio e i suoi amici, o da Valeria -la protagonista femminile- si evince che l’autrice ama questa città profondamente.

La trama racconta di due anime ferite, che non sembrano più pronte a farsi travolgere dall’amore e che, quando meno se lo aspettano, invece vengono sconvolte da un nuovo sentimento. All’inizio forse un po’ osteggiato e temuto da entrambi, ma infine i due sembrano essere in grado di cogliere appieno la portata di quanto provano e di buttarsi.

Impedimenti vari, come la ricomparsa di Sophie, l’ex di Giorgio, sembrano turbare gli equilibri e per un frangente riescono persino a frantumarli, ma l’amore vince sempre.

Valeria, la bellissima e irraggiungibile modella, ha un segreto che la tormenta e grazie a Giorgio non solo riuscirà a fare pace con se stessa, ma anche a riappropriarsi della persona che una volta era.

Secondo il mio gusto personale, manca un po’ di psicologia dei personaggi e alcuni passaggi che vengono appositamente saltati -a mio parere, lo ripeto- forse avrebbero contribuito a conferire maggiore spessore ai personaggi (mi concentro sui i due protagonisti, visto che il testo segue due p.o.v. in prima persona).

Lo stile dell’autrice è moderno, quindi io ci ho fatto un po’ a cazzotti perché prediligo uno stile più classicheggiante, ma non per questo non rivaluto le mie posizioni.

Giudizio sommario: il libro nel suo complesso è carino.

 

Sperando che questa recensione vi sia d’aiuto e vi stuzzichi a scegliere questo libro, vi ricordiamo che la rubrica delle recensioni su Skye è appena partita, quindi aspettiamo i vostri libri. Ve ne proporremo una al mese per ogni recensore scegliendo tra tutti quelli che si iscriveranno nel gruppo spam su FB o che ne faranno richiesta qui.

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015

2 Risposte a “Recensione #6 – Al di là del Tevere”

I commenti sono chiusi.