Crea sito

Intervista #4 – Lucia Cantoni

Benvenuti e BENTORNATI Isolani nella rubrica del venerdì con le interviste ai nostri coraggiosi amici autori.

#VenerdìIntervista #Intervista #Venerdì #LeggiamoItaliano

Oggi torniamo con un nuovo terz… ehm appuntamento scoppiettante per fare quattro chiacchiere con una nuova amica 😉 quindi oggi conosciamo e interroghiamo una nostra amica Self e il suo nuovo romanzo:

LUCIA CANTONI

Ciao Lucia, benvenuta sull’Isola di Skye. Grazie per averci dato l’occasione di conoscerti e porgerti qualche domanda. Inziamo…

– Chi sei?- Ciao a tutti e grazie della possibilità! Sono Lucia, mi sto per laureare in storia e amo alla follia scrivere!

– Quando te lo si chiede tu dai una risposta standard. Se dovessi osare, che cosa risponderesti a noi?- Mmm… vediamo, vi risponderei che per qualche tempo non ho più saputo nemmeno io chi fossi, ma che ora mi sembra di aver quasi ritrovato la quadratura del cerchio…

– La tua paura più grande in questo momento qual è?-  Non riuscire a comunicare agli altri quello che ho in testa.

– Descrivi te stesso attraverso:

un colore: verde

un profumo: gelsomino

un fiore: orchidea

un animale: cavallo

un luogo: Lago d’Orta

un libro: È solo una storia d’amore,  Anna Premoli

una canzone: Oro nero

– Ti è mai capitato di attraversare un periodo in cui ti sentivi smarrita? Come hai fatto a superarlo?- Sì, mi è capitato più di una volta… riesco fortunatamente a fare leva sulle mie poche ma assolute certezze: la scrittura e gli affetti.

– La tua vita reale, il tuo lavoro, i tuoi passatemi e la tua famiglia come influiscono sulla tua scrittura?- Tutto influisce sulla scrittura, traggo ispirazione da qualsiasi cosa, in special modo da ciò che mi accade nella vita reale. In un modo diverso, ma comunque profondo, anche la scrittura è vita.

– Chi ti sta intorno conosce questo tuo lato? Come si approcciano con la te scrittrice?- Scrivo dai tempi delle medie e non ho mai tenuto nascosta la mia passione, quindi sì, chi mi sta intorno conosce le mie aspirazioni 😉  Grazie al cielo mi hanno sempre appoggiato.

– Se potessi parlare con la te stessa del passato, quanto indietro andresti e cosa le diresti?- Andrei indietro ai miei quattordici anni… direi alla me stessa del passato di essere forte e di avere fiducia. Tutto passa, anche i momenti bui.

– Spesso nella scrittura c’è un’impronta che ci distingue dalla “massa”. Nella tua quale pensi sia?- Non sono brava a parlare di me, preferisco che siano gli altri a farlo, ma ho la speranza di riuscire a portare alla luce lati di me stessa con le parole… spero che questo emerga nei miei lavori, di fatto distinguendomi 😉

– Quello che hai scritto fino a oggi, ha un filo conduttore? Cosa accomuna tutte le tue opere?- Apparentemente non vi sono fili conduttori tra le mie opere, a parte la mia visione dell’amore e delle sue mille sfaccettature.

– Dopo aver pubblicato COME IN PRIMAVERA, che progetti hai? Pubblicare ancora ahaha! Battute a parte, sicuramente laurearmi (sto scrivendo la tesi magistrale) e poi cercare di avere una mia indipendenza.

– Sei una lettrice? Quali generi prediligi? Assolutamente sì! Prima di essere una scrittrice sono una lettrice! Amo il rosa e i suoi sottogeneri, specialmente lo storico e l’ironico, ma non disdegno nemmeno il fantasy.

– C’è un libro che rileggeresti mille volte? Il Tiranno di Valerio Massimo Manfredi.

– Ti viene chiesto di incoraggiare un autore a diventare self… cosa gli diresti? Credi in te stesso e affidati ad un buon editor. In bocca al lupo e non stancarti mai di rincorrere il tuo sogno e di migliorarti.

– Un argomento spinoso attuale è l’uso di uno pseudonimo per pubblicare un genere diverso. Tu lo faresti? In effetti ci ho pensato, ma sono troppo gelosa delle mie opere, non le condividerei nemmeno con un mio pseudonimo! 😛

– Hai trovato la leggendaria Lampada Magica. Quali sono i tuoi tre desideri? Poter vivere di scrittura, avere intorno le persone che amo e riuscire a scorgere la felicità nelle piccole cose.

– Che rapporto hai con gli animali? Li amo alla follia! A casa ho un cane e due gatti.

Adesso parliamo un po’ del tuo libro…

Titolo: Come in primavera

Genere: rosa

Pagine: 211

Formato: 5×8 ( va beh dai, questa ve la diciamo noi: ebook e cartaceo)

Dove lo si può acquistare (links): https://www.amazon.it/dp/B01N4KBNVF/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1483998815&sr=8-1&keywords=Lucia+Cantoni

– Dicci in non più di dieci righe di cosa parla.

Lizzie è una giovane dalla vita perfetta che non sa che il suo sogno d’amore si sta per dissolvere come una bolla di sapone. Danny, il suo migliore amico dai tempi delle elementari la sostiene, impedendole di crollare. Non sarà difficile per lei lasciarsi andare a sentimenti ben più appassionati, ma la paura di perdere una delle persone più importanti della sua vita s’imporrà mettendola davanti a difficili decisioni. Danny è un vero principe azzurro, credetemi sulla parola! Ah, dimenticavo, il tutto è condito con il riferimento al linguaggio dei fiori che io amo. È un romanzo rosa dai buoni sentimenti, condito dalla giusta dose di romanticismo.

– Com’è nata l’idea che ha dato vita a COME IN PRIMAVERA? Semplicemente i personaggi hanno bussato alla mia porta una mattina e non ho saputo dire di no… in più avevo letto da poco il libro Il linguaggio segreto dei fiori, restandone affascinata. Per questo ho voluto parlare di fiori anche nel mio Come in primavera.

– Com’è nato il titolo? Avevo bisogno di un richiamo alle stagioni e alla primavera 😉

– Perché la gente dovrebbe leggere il tuo libro e, come pensi che questa storia possa cambiare il mondo e le persone? La gente dovrebbe leggere il mio libro… per sorridere e ritrovare sentimenti sinceri. Per sognare un vero e autentico amore. Non cambierà il mondo, ma spero vi donerà un pomeriggio spensierato e magico.

– È il tuo libro di esordio o hai già pubblicato qualcos’altro? Ho già pubblicato diversi romanzi, tra cui in self: Mela, La bisbetica innamorata e La stirpe dell’Angelo.

– Perché proprio il genere rosa? Perché non riesco a non scrivere d’amore

– Il personaggio principale di COME IN PRIMAVERA è ? È un essere umano o una creatura fantastica? Descrivicelo con 3 aggettivi. Lizzie, una ragazza come tante, anche se molto fortunata. I tre aggetivi per descriverla sono: delicata, innamorata e confusa!

– Durante la trama di consuetudine che il protagonista evolva. Se lo fa, in che modo avviene? Si accorge di ciò che vuole veramente, ritrova se stessa dopo molto tempo.

– Vive una storia d’amore? Assolutamente sì!

– Se una mattina lui/lei si svegliasse del sesso opposto quale sarebbe la prima cosa che farebbe? Un’operazione per tornare donna!

– Se si svegliasse animale (o se è un animale se si svegliasse uomo) cosa sarebbe e come reagirebbe? Sarebbe un gatto e si acciambellerebbe tornando a dormire.

– Quale sarebbe la prima cosa che ti direbbe se vi incontraste faccia a faccia? Che sono stata veramente stronza a farla passare delle tali crisi isteriche!

– Perché hai scelto di ambientare la tua storia proprio a Londra? Ho scelto di ambientare la storia a Londra perché mi affascina molto, anche se non ci sono mai stata. Gran parte del romanzo si svolge anche nella splendida Toscana, perché sono comunque legatissima alla nostra Italia.

– Secondo te, parlando di libri fantasy, quando incide la creazione di un mondo nuovo in una storia? Moltissimo, però bisogna studiare ogni cosa nei minimi particolari… moltissima potenzialità, ma anche stesso grado di difficoltà.

– Oltre a scrivere, ti sei cimentata nella promozione da sola? Hai fatto il book trailer, delle immagini con degli estratti, delle card o un blog tour? Mi pubblicizzo utilizzando facebook e collaborando con molti blog. Purtroppo sono negata con la grafica, al massimo qualche semplice teaser promozionale.

– Se ti venisse offerto un servizio di promozione del tuo libro, cosa vorresti che fosse? Mi basta una recensione oculata al romanzo e una bella segnalazione sul blog. Apprezzo tutto il lavoro che c’è dietro.

– Oltre alla te scrittrice c’è un’altra forma d’arte che ti ispira? Suoni, dipingi…? Suonavo la chitarra.

– Hai un blog? Se sì ti va di dirci dove e di cosa tratta? L’avevo, scrivevo recensioni ai libri letti… ora le scrivo per Romanticamente Fantasy.

– Sei una rilettrice di bozze/editor/revisore? Ho seguito un corso da editor.

– Quanto ti sei fatta aiutare da chi ti circondava per vedere realizzato il tuo progetto? Ho alcune amiche che leggono i miei testi in anteprima, aiutandomi con gli errori e i refusi.

– E-book o Cartaceo? Entrambi, ma meglio il cartaceo.

– Su cosa sei solita scrivere? Pc e appunti su fogli.

– Hai qualche rito particolare che fai prima di iniziare a scrivere, ad esempio ascolti della musica? Nulla, solo io e la tastiera.

– Come è nata la cover? Dalle manine sapienti della mia amica Valentina Mears

– Ti va di regalarci qualche notizia sulla tua prossima pubblicazione? Ho tante trame nel cassetto, molte idee già scritte, non saprei ancora dirvi quale vedrà prima la luce 😉

– Condividi con noi una frase, che convinca anche il lettore più reticente ad acquistare il tuo libro….

« L’aria fra di loro si fece improvvisamente torrida e crepitante. Daniel si voltò, lasciando che i suoi occhi percorressero la figura minuta della ragazza; guardandola apertamente, immaginando di accarezzarla. Elizabeth deglutì a vuoto.

«E se non stessi giocando?» lo provocò, mordendosi il labbro.

 

 

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015