Crea sito

Intervista #32 – Malia Delray

#VenerdìIntervista #Intervista #Venerdì #LeggiamoItaliano #SkyeConsiglia

Bentornati amici e amiche al venerdì in cui sfidiamo voi autori a mettervi in gioco con le nostre domande. Questa volta tocca a un’autrice che la nostra founder stima tantissimo e che ha pedinato  per un anno intero. 😉

MALIA DELRAY

 

Ciao Malia, benvenuta sull’isola di Skye. Grazie per averci dato l’occasione di conoscerti e porgerti qualche domanda.

Ciao, grazie dell’ospitalità. Riesco a rispondere dopo secoli, ma finalmente eccomi qui, pronta a sproloquiare. 😛

Iniziamo dalle domande di rito…

Chi sei? Malia Delrai.

Quando te lo si chiede tu dai una risposta standard. Se dovessi osare, che cosa risponderesti a noi? Malia la più figa, la più brava, la più intelligente (basta che ci credo io) Delrai. 😀 AHAHAHA

La tua paura più grande in questo momento qual è? Il fallimento della mia casa editrice.

Descrivi te stesso attraverso:

un colore: bianco (anche se ingrassa ahahah)

un profumo: cannella

un fiore: dalia

un animale: lupo

un luogo: la montagna, l’inverno, la neve

un libro: Uno? Nooo, tutti quelli della Delrai Edizioni. 😛

una canzone: Spogliarmi di Francesco Gabbani

Ti è mai capitato di attraversare un periodo in cui ti sentivi smarrita? Come hai fatto a superarlo? Sì, vivo un’intera vita in continuo smarrimento, sono tuttora smarrita, ma ogni giorno mi rendo conto di quanto sia bello quello di cui mi circondo, delle cose semplici che possono dare tanto e allora cerco di trovare il senso. Questo mi fa stare bene e riesco ad andare avanti serenamente: il senso, è molto importante per superare qualsiasi negatività. Vivere una vita insensata ti porta allo stare male.

La tua vita reale, il tuo lavoro, i tuoi passatemi e la tua famiglia come influiscono sulla tua scrittura? Il mio lavoro tanto. Facendo l’editore ormai non riesco più a scrivere, il tempo libero lo passo con mio marito. Per fortuna l’editoria è una mia grande passione, e quindi la vivo molto bene. Un giorno però mi piacerebbe tornare a scrivere. Per il marito… povero, deve sottostare alle dure leggi dell’editoria anche lui, come il mio cagnolino.

Chi ti sta intorno conosce questo tuo lato? Come si approcciano con la te scrittrice? Diciamo che non me ne curo. Non conoscendo il mondo della scrittura, tutti sottovalutano ciò che faccio, soprattutto poi quando dico che scrivo erotici. A volte penso che ognuno abbia il suo mondo ed è quello a cui deve rendere conto, il resto delle persone non si può pretendere che capiscano, condividano, o abbiamo un’opinione positiva. Ho imparato così a non prendermela se qualcuno giudica male o non si rende conto dell’importanza che la scrittura ha per me, non possiamo essere tutti uguali, per fortuna.

Se potessi parlare con la te stessa del passato, quanto indietro andresti e cosa le diresti? Circa dieci anni fa, penso, e le direi: sposati più giovane, molla quello che stai facendo e credi nell’amore, credi nell’uomo che hai vicino. Fidati di lui, perché ti aiuterà a realizzare il tuo sogno. Non avere paura di sbagliare e di andartene via, scegliendolo a discapito di ogni cosa, anche della tua famiglia.

Spesso nella scrittura c’è un’impronta che ci distingue dalla “massa”. Nella tua quale pensi sia? Sarei troppo saccente se lo sapessi. In realtà non ne ho proprio idea. Io ci metto il cuore, mi diverto, poi se piaccio sono felice, e se non piaccio, be’, va bene lo stesso. Potrei anche non distinguermi affatto, chissà.

Quello che hai scritto fino a oggi, ha un filo conduttore? Cosa accomuna tutte le tue opere? La passione per la scrittura, questo accomuna le mie opere. Una reale passione, che quando scrivo mi assorbe la mente. Non c’è altro che mi fa stare così bene e male allo stesso tempo, che mi trasporta in un altro mondo, che mi fa sognare. È banale, io credo che tutti gli scrittori abbiano questo aspetto, ma forse quello che mi fa capire che “passione” è la risposta giusta alla tua domanda è la costanza, la volontà con cui ogni giorno affronto le nuove righe che scrivo, anche alzandomi la mattina prestissimo solo per buttare giù una paginetta prima che la vita lavorativa mi trasporti via.

Dopo aver pubblicato ROMAN, che progetti hai? Non saprei. Se parli della me scrittrice, ho paura che ci vorranno anni per vedere una mia prossima pubblicazione. Brutto da dire, ma è così.

Sei una lettrice? Quali generi prediligi? Sto imparando a non avere un genere preciso. Sto imparando nel mio lavoro ad apprezzarli tutti. Devo dire che fare l’editore mi sta insegnando a essere una vera lettrice. Prima forse non lo ero a sufficienza.

– C’è un libro che rileggeresti mille volte? Tutti i libri della Delrai Edizioni. Sono fantastici.

Ti viene chiesto di incoraggiare un autore a diventare self… cosa gli diresti? Impegnati, dai il massimo, e ce la farai. Non avere paura, perché non c’è niente che non possiamo fare se crediamo in noi stessi. E… se vuoi ti do una mano per la pubblicazione su Amazon e Createspace. Ahahaha.

Un argomento spinoso attuale è l’uso di uno pseudonimo per pubblicare un genere diverso. Tu lo faresti? Già uso uno pseudonimo. Non ho niente contro gli pseudonimi sinceramente, purché siano associati a persone reali che hanno voglia di mettersi in gioco. Gli spaventapasseri a scomparsa urtano anche un po’ me, però alla fine non mi hanno fatto nulla, quindi… c’è posto per tutti!!

Hai trovato la leggendaria Lampada Magica. Quali sono i tuoi tre desideri? Si deve stare attenti a ciò che si desidera.

  • Vorrei sapere la verità sull’inizio del mondo.
  • Vorrei poter viaggiare nel passato e conoscere la storia.
  • Vorrei poter sapere cosa ci attende dopo la morte.

Che rapporto hai con gli animali? Un bel rapporto, purché non siano insetti. XD AHAHAHAH [Qui, noi ci prendiamo un minimo spazio per salutare Semola]

Adesso parliamo un po’ del tuo libro…

Titolo: Piacere Russo (la serie dei sei); Lezione di Carne, Amore da inchiostro.

Genere: Erotico, Romance

Pagine: Oddio, la serie insieme più o meno sulle 1350 pagine. Lezione di Carne circa 400, Amore da Inchiostro circa 450.

Formato: sia in ebook che in cartaceo.

Dove lo si può acquistare (links): Su Amazon. Devo inserirli per forza? 😛

  1. https://www.amazon.it/te-Piacere-Russo-Malia-Delrai-ebook/dp/B06XFZB2YN/ref=sr_1_5?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1504010460&sr=1-5
  2. https://www.amazon.it/Amore-Inchiostro-romanzo-amarti-editor-ebook/dp/B01HVIB2TG/ref=sr_1_2?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1504010460&sr=1-2
  3. https://www.amazon.it/Lezione-Carne-Lezioni-Divine-Vol-ebook/dp/B00QHGAU10/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1504010460&sr=1-1

 

Dicci in non più di dieci righe di cosa parla.

Tutti e tre? Vediamo… Piacere Russo parla della storia d’amore tra un mafioso russo e una ragazza italiana qualunque. Lezione di Carne è la storia d’amore tra il dio Dioniso, dio del sesso, e una giovane universitaria (non posso svelare chi sia), Amore da Inchiostro sono in realtà due storie legate al mondo della scrittura e dell’editoria, molto molto romantiche.

Com’è nata l’idea che ha dato vita ai tuoi romanzi? Ehhh, questa è una domanda difficile. Spesso le mie storie nascono per sfida o per gioco, quindi è molto probabile che tutti i miei romanzi siano stati frutti di un’idea condivisa in amicizia che poi ha preso vita.

Com’è nato il titolo? Sono pessima nella scelta dei titoli per i miei romanzi, mi faccio aiutare dalla musica, mi ispira molto.

Perché la gente dovrebbe leggere il tuo libro e, come pensi che questa storia possa cambiare il mondo e le persone? Oddio, nessuna delle mie storie cambia il mondo e le persone, però penso che possano donare qualche momento lontano dalla realtà difficile di tutti i giorni, e questo per me è già tanto. Non mi illudo di poter dare o fare di più. Perché leggermi? Perché sono simpatica, dai. 😛 AHAHAH

È il tuo libro di esordio o hai già pubblicato qualcos’altro? Il primo in assoluto è stato Anime di Sangue, che poi è stato tolto dal commercio. Una storia di vampiri.

Perché proprio il genere erotico? Perché amo l’amore e tutto quello che ne consegue, quindi anche la sessualità. Mi piace davvero tanto.

– Il personaggio principale di … è ? È un essere umano o una creatura fantastica? Descrivicelo con 3 aggettivi.

A questo punto parlo di Roman, della serie Piacere Russo. Non è umano (ahahha), ed è semplicemente fantastico. In tre aggettivi? Imprevedibile, sensuale e stronzo.

Durante la trama di consuetudine che il protagonista evolva. Se lo fa, in che modo avviene? Evolve la sua consapevolezza di essere in grado d’amare, pur senza redenzione. Il mio personaggio non diventa buono, rimane cattivo, ma capisce di poter essere amato nonostante tutto. Sì, è un po’ spaventoso.

Vive una storia d’amore? Assolutamente sì.

Se una mattina lui/lei si svegliasse del sesso opposto quale sarebbe la prima cosa che farebbe? Roman? AHAAHAH, penso si masturberebbe.

Se si svegliasse animale (o se è un animale se si svegliasse uomo) cosa sarebbe e come reagirebbe? Sarebbe di certo un lupo. Un bellissimo lupo. Reagirebbe bene, penso, perché lui dentro è proprio come un lupo.

Quale sarebbe la prima cosa che ti direbbe se vi incontraste faccia a faccia? Vaffanculo, mi hai fatto innamorare.

Perché hai scelto di ambientare la tua storia proprio a San Pietroburgo? San Pietroburgo, Russia. Mi affascina da morire la Russia e la sua storia.

Secondo te, parlando di libri fantasy, quando incide la creazione di un mondo nuovo in una storia? Tanto. Devi esserne capace. In un fantasy il mondo che crei è fondamentale e fa parte della struttura, non si può affatto tralasciare. È un grosso errore che fanno moltissimi, perché oggi tutto va molto veloce e quindi ci si sofferma più sui personaggi. Sul fantasy una scelta simile è sbagliatissima.

Oltre a scrivere, ti sei cimentata nella promozione da sola? Hai fatto il book trailer, delle immagini con degli estratti, delle card o un blog tour? Diciamo che ci provo, ma che non è così semplice. Poi… sono una pessima grafica e anche promoter di me stessa. Lo confesso.

Se ti venisse offerto un servizio di promozione del tuo libro, cosa vorresti che fosse? Ah, non saprei. È una bella domanda ma difficile. Di strumenti ce ne sono molti, e attualmente io punto soltanto a uno, ma è un segreto professionale. 😛

Oltre alla te scrittrice c’è un’altra forma d’arte che ti ispira? Suoni, dipingi…? Faccio l’editore. Vale come arte? 😛

Hai un blog? Se sì ti va di dirci dove e di cosa tratta? No, non ho un blog. Non avrei tempo, purtroppo. Non ho più tempo nemmeno per leggere, se non manoscritti per lavoro. Uffi.

Sei una rilettrice di bozze/editor/revisore? Sono tutto, ma lo faccio per la mia casa editrice. Tutto e di più. Ehehe.

– Quanto ti sei fatta aiutare da chi ti circondava per vedere realizzato il tuo progetto? Poco, devo dire. Non amo chiedere aiuto agli altri, mai, in nessun caso. Sono una persona a cui piace dire Grazie, ma non amo sentirmi debitrice. Ecco.

E-book o Cartaceo? Entrambi.

Su cosa sei solita scrivere? Bella domanda, per ora solo su Roman. Sono in fissa. Me ne sono innamorata.

Hai qualche rito particolare che fai prima di iniziare a scrivere, ad esempio ascolti della musica? Mmh, no, nessuno. Non ci ho mai pensato, sai? Ma nessuno. Dovrei cominciare a pensarne uno divertente: vale che di solito mangio un toast e bevo Coca-cola Zero? Ma quello anche durante, è un viziaccio.

Come è nata la cover? Io mi fido molto delle grafiche con cui lavoravo per le copertine dei miei self, tutte molto brave devo dire. Hanno scelto loro e io mi sono affidata al loro gusto. Ora lavoro con una grafica che è una bomba, la amo, è la migliore: Catnip Design.

– Ti va di regalarci qualche notizia sulla tua prossima pubblicazione? Sì, certo! Andrò avanti con una serie legata a Piacere Russo, I lupi di Tambov, che riguarda sempre la mafia russa. Spero almeno di riuscire. SPERO TANTO! Per ora scrivere è davvero difficile per me che ho aperto una casa editrice, ma la volontà di riuscire mi accompagna anche in questo.

Condividi con noi una frase, che convinca anche il lettore più reticente ad acquistare il tuo libro….

Se non provi Malia Delrai, godi solo a metà. AHAHAHAHHA. (E fu così che nessuno lesse)

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015