Crea sito

GIRASOLE

Il Girasole

Desclamer: Tutti i contenuti di queste schede sono notizie prese dal web e raccolta da me. Nulla di quello che è contenuto è di mia proprietà.

220px-Sunflower_sky_backdropIl Girasole comune, il cui nome scientifico è Helianthus annuus è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Asteraceae.Il suo nome generico Helianthus deriva da due parole greche ”helios” che significa Sole e ”anthos” il cui significato è fiore.

CARATTERISTICHE: La caratteristica di questa pianta annuale è quella di girare sempre il capolino (così viene denominata l’infiorescenza) verso il Sole. Questo comportamento è noto come eliotropismoAltra caratteristica del Girasole è quella di essere un fiore “multiplo”: quello che vediamo di un color giallo acceso non è il fiore, bensì un insieme di fiori disposti secondo un preciso schema a spirale (34 in un senso e 55 nell’altro) che prende il nome di infiorescenza.

SIMBOLISMO: Il Girasole, proprio in virtù delle caratteristiche sopra descritte, simboleggia l’allegria, la solarità e la vivacità.
Un altro significato, molto meno diffuso, del Girasole proviene dal suo particolare comportamento. Il continuo volgere del capolino verso il Sole dall’alba al tramonto, può essere tradotto nel desiderio di voler trascorrere insieme alla persona amata un certo periodo di tempo, un’intera vita o un solo giorno.

NEL RESTO DEL MONDO: Il Girasole, in altre tradizioni e culti popolari, esprime anche gratitudine oltre che rispetto e ammirazione per la persona che lo riceve in dono.

COLTIVAZIONE: Per crescere bene, il girasole necessita di molto sole. Cresce meglio in terreni fertili, umidi, ben irrigati. I semi dovrebbero essere interrati ad una interfile di 45 cm con una densità di circa 8-9 piante per metro quadrato e a 2,5 cm di profondità. Sopporta molto meglio di altre specie, a ciclo primaverile/estivo, limitate carenze idriche. Da coloro che non intendono coltivarlo, il girasole è considerato una pianta infestante: le varietà selvatiche crescono indesiderate nei campi di mais, soia e fagioli e possono avere effetti negativi sul raccolto. Recentemente sono state selezionate alcune varietà di girasole con il capolino rivolto verso il basso. Queste varietà sono meno ricercate dai giardinieri come piante ornamentali, bensì preferite dai coltivatori in quanto riducono il danno provocato da uccelli e da alcune malattie delle piante. Esistono anche varietà transgeniche di girasole, più resistenti ad alcune malattie.

In Farmacia alcune parti di questo fiore contengono il glucoside della quercetina (quercimeritrina), alcune basi amminiche, dei sali di calcio dell’acido solanico e una xantofilla. Le proprietà curative secondo la medicina popolare sono: febbrifuga (abbassa la temperatura corporea); diuretica (facilita il rilascio dell’urina); antimalarica (combatte la malaria); espettorante (favorisce l’espulsione delle secrezioni bronchiali); stomachica (agevola la funzione digestiva).

In Alimentazione  i semi di girasole vengono consumati decorticati e tostati, spesso salati come snack. Possono essere utilizzati per insalate o se ne può estrarre un olio. Tutt’oggi sono disponibili varietà ad alto tenore di acido oleico che non si discostano troppo dalla composizione dell’olio di oliva.

Nell’Industria i semi sono impiegati inoltre come mangime per uccelli e roditori. Se ne può estrarre anche olio per motori, usato per produrre biodiesel, più economico di altri carburanti. I residui della spremitura sono impiegati come mangime per il bestiame. I girasoli producono del lattice, oggetto di esperimenti volti a utilizzarli come fonti alternative di gomma ipoallergenica.

CURIOSITA’:  Era il fiore preferito di Vincent Van Gogh, che lo immortalò in alcuni splendidi dipinti nel 1888.

Il botanico Jacobus Antonius Cortusus (morto nel 1593) descrisse all’amico Pietro Andrea Mattioli (1500 – 1577), medico e botanico di Siena, un esemplare alto circa 4 metri.

Altre fonti riportano che nel 1567 a Padova crebbe un girasole alto 12 m. I semi di identica provenienza generarono altri esemplari che crebbero fino ad 8 m d’altezza in altri luoghi (es. Madrid) ed altri periodi. Più recentemente esemplari alti oltre 8 m sono stati ottenuti sia nei Paesi Bassi che in Canada.

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015

4 Risposte a “GIRASOLE”

  1. […] SCOPRI IL FIORE SCOPRI IL PERSONAGGIO CAPITOLO SEGUENTE >> NdA: Ogni capitolo ha un fiore a cui è dedicato, questo è facile e potete provare a indovinarlo. Appena avrò sistemato il blog in modo decente vi farò anche la scheda sul fiore ma intanto trovate già quella di Galena. Ringrazio chiunque si accinga a leggere e attendo i vostri commenti. […]

  2. Ma questa scheda è fantastica, notizie tecniche di cui ero completamente all’oscuro, oltre che alle nozioni storiche. Ma sei bravissima!
    Hai letto ‘Il linguaggio segreto dei fiori’? Spero di si e spero che farai un post/dedica qui nel tuo blog!

    1. Certo che ho letto quel libro! L’ho adorato tantissimo e ho preso anche la piccola guida successiva ” i messaggis egreti dei fiori” 😉
      Un post dedica… credo sia un’idea grandiosa, mi adopererò a farlo sicuramente.

  3. Un articolo molto interessante. 🙂 Non ho mai sopportato i girasoli, forse per il colore troppo allegro o per la loro grandezza, (io amo le rose) ma attualmente mi sto informando molto per quanto riguarda le proprietà curative di alcune piante, perciò questo è molto utile. 😉
    Inoltre amo i dipinti di Van Gogh, una mia particolare contraddizione XD
    Molto brava!

I commenti sono chiusi.