Crea sito

BLOG TOUR – I LIBRI DI ANDREA VENTURA

#SpecialeAnteprima #LeggiamoItaliano #NuoveUscite #SkyeConsiglia #BlogBooktour #Tappa #ILuoghi #CoverReavealed #Tour #Book #Blog

Noi adoriamo aiutare i nostri autori e quest’oggi vi coinvolgiamo nel giro tra blog di ANDREA VENTURA! Sarà un TOUR ESTIVO a cui non potete mancare! Sarà un viaggio ai limiti della realtà dove la risata la farà da padrone! IMPERDIBILE!

41491116_228613561338767_337487938730328064_n

Noi siamo la seconda tappa!

E parleremo direttamente ai due protagonisti di questi due romanzi divertentissimi.

Non un semplice eroe della carta stampata, ma PUNTATORE E PENTAGRAMMA!

COMPRA I DUE TITOLI QUI

41659967_10214615230712595_1451175784671608832_n

41647000_2169675033295938_2567508918150365184_nTITOLO: Le avventure del Puntatore

Autore: Andrea Ventura

Genere: Comico

DISPONIBILE IN EBOOK E CARTACEO

Prezzo ebook: 1,99

Prezzo cartaceo: 5,20

Trama:

“Le avventure del Puntatore” sono una raccolta di sketch comici, rivolti a chi usa il computer quotidianamente ma non ha mai fatto caso a una freccetta vagante per il desktop, ché magari ce l’ha sempre avuta sotto il naso. Il Puntatore, bianco e spigoloso, è quindi protagonista di una serie di episodi tutti suoi che diventeranno col procedere delle pagine sempre più bizzarri e sconclusionati, tutti ambientati in quel pazzo mondo che è il Desktop, stavolta scritto maiuscolo: avremo un sacco di personaggi sui generis come Risorse del Computer, il quale nasconde molti segreti; Internet Explorer o comunque il suo logo; l’ingordo Cestino che è disposto a mangiare letteralmente qualsiasi cosa ma anche due periferiche che con l’attore principale hanno molto a che vedere: l’inseparabile compagno Mouse, che ha una relazione segreta col Tappetino; e Tasty la Tastiera, la quale si cimenta in inglesismi che solo lei può conoscere e inventare!
Cinquantadue episodi, dunque, che sono rivolti a tutti coloro i quali cercano un momento di svago, un sorriso dietro una giornata no, un modo per ingannare il tempo mentre si aspetta dal dottore, alla posta, in banca o al supermercato; un modo per rispondere con la forza della risata a tutte le brutture del mondo, che, come direbbe il Puntatore stesso, andrebbero solamente selezionate e cancellate con l’opzione “Elimina” del tasto destro del Mouse!

>>COMPRALO QUI <<<

L’INTERVISTA

– Come ti chiami? Puntatore. Non ho un cognome, dovrei averlo?

– Cosa sei? Sono il Puntatore che vive al centro del Desktop, ma che si può spostare come fa la regina negli scacchi. Ad esempio, non posso fare la capriola.

– Da dove vieni? Dal Monitor, un luogo oscuro e misterioso che se non clicchi due volte non sei nessuno, più o meno. Io invece sono molto temuto. Non so perché sono i pixel oppure perché clicco due volte.

– Se fossi un… cosa saresti?

un colore: il Bianco, o al limite dorato

un profumo: Profumo di Pixel

un fiore: il giglio

un animale: la iena

un luogo: il monitor

un libro: Le avventure del Puntatore, l’unico dove sono protagonista indiscusso (*rumore in lontananza di pernacchie da parte del mouse*)
un genere musicale: il Punk Rock

una canzone: Sheena is a Punk Rocker

un cibo: un Taco

un carattere/font: Comic Sans MS

un articolo di cancelleria: Una matita HB Stadler

un albero: un ciliegio, sapete un clic tira l’altro

un continente: La fredda Antartide

– Cosa fa ti te un avventuriero? Non sono un avventuriero

– Chi è il tuo migliore amico e perché? Il Mouse, è lui che mi muove in fondo…

– Hai nemici? Il Mouse, mi odia secondo me. Una volta ho dovuto scaccolare un’immagine jpeg solo perché gli andava!

– Sei innamorato? Sì, di Tasty della tastiera

– Qual è il tuo cibo preferito? La corrente elettrica

– C’è una meta-luogo in cui vorresti passare le vacanze? La Sardegna

– Hai trovato la leggendaria Lampada Magica. Quali sono i tuoi tre desideri? Vorrei poter cliccare più di due volte, vorrei che Tasty la Tastiuera si innamorasse di me e vorrei che il Mouse cominciasse a fluttuare in aria, per ridere un po’.

– Se una mattina ti svegliassi del sesso opposto quale sarebbe la prima cosa che farebbe? Sarei una puntatrice! Basta aggiuungere un fiocchetto e ho fatto!

– Se ti svegliassi animale (o se sei un animale se ti svegliasse uomo) cosa saresti e come reagiresti? sarei appunto una iena, pronta a ridere di coloro i quali si scansdalizzano del mio cinismo verso i file.

– Quale sarebbe la prima cosa che diresti a Aven se lo incontrassi faccia a faccia? Aven ma non avevi davvero niente da fare? Che so, un lavoro? Il mio lo facevo molto bene, ora mi tocca fare anche l’attore!

– Se Aven scrivesse un AU come andrebbero le cose se fossero al contrario? dLui non clicca come dovrebbe: anzi, credo proprio che si limiterebbe a fare i quadratini sul Desktop. Non come me che invece sono allegro, pimpante, tranne quando *errore di sistema*

– Se arrivasse un alieno che lancia laser dagli occhi, cosa succederebbe?

Arriverebbe e se ne andrebbe, perché… anche io lancio laser dagli occhi.

“Non dire stupidaggini!”

Zitto, Mouse.

41709909_349445929127436_3868305322124771328_n

TITOLO: Le avventure del Pentagramma

Autore: Andrea Ventura

Genere: Comico

DISPONIBILE IN EBOOK E CARTACEO

Prezzo ebook: 1,99

Prezzo cartaceo: 5,20

Trama:

“Le avventure del Pentagramma” sono una raccolta di sketch comici, rivolti a chi non conosce molto di musica ma vuole imparare giocando e divertendosi. Il Pentagramma, che come sappiamo è composto da cinque righe e quattro spazi, è quindi il vero protagonista di una serie di episodi tutti incentrati sule note, le pause e gli altri segni grafici che diventeranno col procedere delle pagine sempre più bizzarri e sconclusionati, tutti ambientati in quel pazzo mondo che è la musica, che ci accompagna nella vita ma non è mai stata elaborata dal punto vista comico: avremo un sacco di personaggi sui generis come La Chiave di Sol, la quale, vanesia e presuntuosa, punta tutto sul fatto di essere l’unica a saper leggere il Pentagramma auto proclamandosi regina di questo. Che dire dunque del Re, sovrano attuale di quel mondo, che deve fare i conti con dei sudditi indisciplinati e doppiogiochisti come il Fa e il Mi; o con altri sudditi troppo accondiscendenti come il Si? Non mancheranno, inoltre, episodi in cui il Pentagramma sarà utilizzato come pista di atletica, come fili per stendere la biancheria o anche come scala per salire da uno spazio a un altro, confondendo l’incauto direttore d’orchestra che non guarderà più lo spartito allo stesso modo!
Cinquantadue episodi, dunque, che sono rivolti a tutti coloro i quali cercano un momento di svago, un sorriso dietro una giornata no, un modo per ingannare il tempo mentre si aspetta dal dottore, alla posta, in banca o al supermercato; un modo per rispondere con la forza della risata a tutte le brutture del mondo, che, aiutata dalla Musica, ci ricolloca in una dimensione di pace e tranquillità.

>>COMPRALO QUI<<<

L’INTERVISTA

– Come ti chiami? Pentagramma. Non ho un cognome, dovrei averlo?

– Cosa sei? I Pentagrammi servono a fare musica, comporla, leggerla, leggere nel pensiero e talvolta fare anche il caffè.

– Da dove vieni? Dalla carta. Nel senso che sonoi stati abbattuti alberi per crearmi, così poi siamo stati nella cartiera e dopo vari impasti siamo arrivati a questo opuscolino.

– Se fossi un… cosa saresti?

un colore: Il Blu

un profumo: Legno di violino

un fiore: Il tulipano

un animale: Il cane

un luogo: il foglio di carta

un libro: Le avventure del Pentagramma, l’unico dove sono protagonista indiscusso (*rumore in lontananza di pernacchie da parte della Chiave di Sol*)
un genere musicale: La Musica Classica

una canzone: Direi un Brano, la Sonata al Chiaro di Luna

un cibo: un piatto di pasta

un carattere/font: Verdana

un articolo di cancelleria: Una matita HB Stadler

un albero: Una quercia

un continente: L’Europa

– Cosa fa ti te un avventuriero? Non sono un avventuriero

– Chi è il tuo migliore amico e perché? Il Fa, che sta sia nelle righe che negli spazi

– Hai nemici? La Chiave di Sol, che è talmente tanto egocentrica da togliere spazio anche alle altre chiavi

– Sei innamorato? No

– Qual è il tuo cibo preferito? Gli spaghetti

– C’è una meta-luogo in cui vorresti passare le vacanze? Vienna

– Hai trovato la leggendaria Lampada Magica. Quali sono i tuoi tre desideri? La pace nel mondo, la fine della Monarchia del Re e un piatto di spaghetti

– Se una mattina ti svegliassi del sesso opposto quale sarebbe la prima cosa che farebbe? Sarei una Pentagramma! Basterebeb… non so, mettemri una gonna?

– Se ti svegliassi animale (o se sei un animale se ti svegliasse uomo) cosa saresti e come reagiresti? Se fossi un uomo direi che sarei un rinomato direttore d’orchestra.

– Quale sarebbe la prima cosa che diresti a Aven se lo incontrassi faccia a faccia? Aven ma non avevi davvero niente da fare? Che so, un lavoro? Il mio lo facevo molto bene, ora mi tocca fare anche l’attore! E non solo, le note sono palline! Non lo sapevi?

– Se Aven scrivesse un AU come andrebbero le cose se fossero al contrario?

Direi che si perderebbe e usarebbe le semi minime come bicicletta. No davvero, non ne vale la pena.

– Se arrivasse un alieno che lancia laser dagli occhi, cosa succederebbe?

Arriverebbe e se ne andrebbe, perché… anche io lancio laser dagli occhi.

“Non dire stupidaggini!”

Zitto, Maestro.

Pubblicato da lisoladiskyeblog

Blog Letterario che promuove e pubblicizza autori italiani di ogni genere nato nel 2015